Oscure madri splendenti

Questo libro di Luciana Percovich è di un valore inestimabile. È un viaggio indietro nel tempo, dalla Dea primeva, gravida e completa, al suo smembramento nelle innumerevoli divinità, riflesso di attributi che Lei racchiude in toto.


Attraverso queste pagine ripercorriamo gli eventi che hanno portato al rovesciamento dei simboli e alla nascita di una “civiltà” innaturale, perché contro natura.
Basti pensare al triangolo, ad esempio, raffigurato col vertice verso l’alto, che era in origine capovolto, a raffigurare il grembo; o alla trinità femminile, con il triplice aspetto della Dea vergine-madre-crona, mistificata in padre-figlio-spirito santo; oppure a come la Dea diventata “madre” si sia vista surclassare pian piano dal figlio.


L’opera di desacralizzazione e mascolinizzazione del divino è stata compiuta con stupri, violenze, inganni, vantandosi poi a gran voce del potere così conquistato, nelle opere di ogni mitologia.
Ora, chi si incensa dell’arroganza e del disprezzo usati per sconsacrare quanto più c’era di santo al mondo, testimonia soltanto la sua incapacità e la sua profonda invidia. La donna, in quanto parte del divino, non aveva bisogno di inventarsi un “dio”. Cosa che invece ha fatto l’uomo, non potendo comprendere la profonda unità femminile col principio creatore.


La società attuale è l’ennesima figlia di questa barbarie e tutti ne paghiamo le amare conseguenze. Ma ora che abbiamo visto e compreso tutta la sua distruttività, sarebbe ora di superare le paure reciproche e di riappropriarci delle nostre diversità, accogliendole e comprendendone l’intrinseco valore.
La cultura di oggi, che ci vorrebbe tutti uguali, addirittura asessuati, fluidi, è il colpo di coda di un modello di esistere che sta implodendo.
Il ritorno alla Vita e alla Natura non potrà essere procrastinato a lungo.

Una ricerca che è un viaggio

Photo by THu00c1I NHu00c0N on Pexels.com

Alcuni nascono con sistemi immunitari spirituali.
Prima o poi si accorgono che la visione del mondo è illusoria ed è innestata su di loro dalla nascita attraverso il condizionamento sociale.
Cominciano a percepire che qualcosa non va e iniziano a cercare risposte.
Cercano, ricercano e scoprono che esistono lati della realtà di cui gli altri non sono del tutto consapevoli.
È così che inizia il loro viaggio di risveglio.
Ogni passo del viaggio, viene compiuto seguendo il cuore invece di seguire la folla e scegliendo la conoscenza al di sopra dei veli dell’ignoranza.

Henri Bergson

Angeli e Alchimia

“Tutti, più o meno consapevolmente, desiderano entrare in contatto con il sovrannaturale, anche solo per un istante; per capire qualcosa della loro esistenza, del senso della vita e della morte. Lo sanno per istinto dove trovare le risposte, anche se poi, quando vi giungono, non sanno né vederle, né ascoltarle.”

Questo libro è molto più di un’avventura fantasy che ti regala qualche ora spensierata, e di sicuro non è un romanzo da destinare al solo pubblico adolescente.

In queste pagine sono racchiusi preziosi insegnamenti che l’autrice, con delicatezza e maestria, ha saputo consegnare al mondo affinché il messaggio in essi racchiuso giunga là dove deve essere accolto.

Sarò sincera e ammetto di aver pensato che la lettura di queste pagine potesse essere pienamente apprezzata solamente essendo in possesso di un background “esoterico” che rendesse il tutto più fruibile; poi però mi sono detta che il profondo significato di questo racconto sarà comunque in grado di farsi strada nei cuori e negli animi pronti a far riaffiorare il ricordo di quanto celiamo nel profondo.

Sono sempre più numerose le voci che stanno tornando a narrare gli antichi misteri, sepolti sotto la coltre dei secoli. E’ come se la Verità stessa chiedesse di essere finalmente svelata e si servisse degli autori per raggiungere il suo fine.

Barbara de Maestri, con il suo libro, ha donato in maniera impeccabile il suo contributo alla realizzazione di quest’Opera.

Magia e potere della Dea

Gareth Knight, grande esoterista britannico, profondo conoscitore della Kabbalah e della tradizione esoterica occidentale, in questo libro ci guida attraverso i vari miti incentrati sul principio divino femminile e al contempo illustra un’ampia gamma di tecniche per riscoprire e ricollegarci a questo grande Potere.

La Terra ha bisogno di questa riconnessione, per guarire dalle innumerevoli ferite inferte da millenni di occultamento e mistificazione. La Dea ci chiama affinché la nostra voce si unisca alla Sua e possa così tornare a farsi udire nel mondo.

Per ristabilire il contatto con questa antichissima fonte ,a noi occidentali sono date istruzioni pratiche che, messe in atto, permettono di avvertirne chiaramente in noi gli effetti. È un dissotterrare quanto nei secoli è stato nascosto nel mito.

È riportare all’antico splendore il Principio Supremo. È un lavoro di guarigione per noi stessi e per Gaia, che apporterà salute e benessere e ci permetterà di percepire nuovamente le forze a cui sottostiamo e che ci compenetrano, in unione con il Creato.

Ho’Omana

La più antica forma di spiritualità è lo sciamanismo, presente in ogni continente e in molteplici forme con tutte, alla base, gli stessi principi. Ho’Omana è lo sciamanismo Huna, tipico della Polinesia e delle Hawaii. Quando si pensa a queste meravigliose isole, ai ferrati in materia viene subito in mente l’ Ho’Oponopono, ma questa antica terra è custode di una cultura molto più profonda e antica, che gli autoctoni dicono sia giunta loro dal mare, da lidi lontani.

In questo libro è racchiuso tutto il tesoro degli insegnamenti dei Kahuna-gli sciamani hawaiani-dalla cosmogonia alla composizione dell’uomo. Con parole semplici ed efficaci, anche il lettore occidentale può comprendere i principi fondamentali di questa pratica spirituale, che, più che altro è un modo di vivere. Ciò che per gli indigeni è scontato e naturale, tocca a noi impararlo, nel migliore dei casi ricordarlo, in quanto tesoro sepolto nelle nostre memorie di esseri umani.

Per facilitare il riappropriarsi di queste antiche conoscenze, vengono descritti e proposti svariati metodi che permettono di mettere subito in pratica e fare esperienza di quanto descritto in teoria. Quindi tra le nostre mani abbiamo non solo un prezioso testo che porta a conoscere la spiritualità Huna, ma anche un valido manuale per mettere in atto concretamente delle tecniche che potranno giovare alla nostra integrità.

Vivere PONO è l’unico modo di vivere e non si tratta di recitare un mantra o le classiche paroline “magiche” che tutti conosciamo: vivere PONO è vivere secondo Natura. E “Ho’Omana” spiega come.

A occhi aperti

Il 2020,prima di salutarci, mi ha lasciato un dono, indicandomi la nuova direzione da prendere nel mio cammino. Sono un’anima inquieta, una ricercatrice spirituale che nel corso degli anni ha accumulato tante domande e ben poche risposte; avevo bisogno di un richiamo che mi riportasse a terra, nel quotidiano vivere, e ho scoperto quanto mi mancasse solo quando l’ho trovato.

“A occhi aperti”, di Mariana Caplan (antropologa, psicologa transpersonale, con un enorme bagaglio di esperienza sulle tradizioni mistiche nel mondo) offre uno sguardo lucido sul mondo “spirituale” e i suoi inganni, in cui è assai facile incappare soprattutto per noi occidentali. Ci mette in guardia dalla “spiritualità fast-food” e dall’approccio sistematico tramite il quale ci illudiamo di perseguire chissà quali traguardi.

Tra queste pagine ho scoperto l’esistenza di diverse “malattie spiritualmente trasmissibili”, ho capito di averne avute un bel po’ e che ,non sviluppando anticorpi, non possiamo mai ritenerci immuni. Ho imparato che un vero cammino spirituale non esclude la nostra materialità né mira a far scomparire il nostro ego; che corpo, mente e spirito vanno allenati e sviluppati grazie ad un approccio integrale ,perché nell’integrità si può varcare la soglia che conduce ad un ulteriore tappa del viaggio chiamato vita.

Se le delusioni e le illusioni sono sempre dietro l’angolo, l’unica arma a nostra disposizione è un sano discernimento, che ci permetterà di districarci nei vari labirinti in cui possiamo imbatterci.
Questo libro è un aiuto prezioso, un incoraggiamento a non perdersi d’animo ma anche un’ancora che riporta alla realtà, che, volenti o nolenti, non può essere trascesa.
Consigliato a tutte le anime erranti, ai ricercatori, a chiunque non sia stanco di sentir risuonare in sé la voce che incita verso la Conoscenza e la Verità.