Nello stato mentale sano, la verità rimane temporanea

Cito da “La cura della coscienza umana“:

Le nuove verità sono il risultato di nuove esperienze e di vecchie verità che si combinano e si modificano reciprocamente tra loro.

W. James

Affinché questo possa accadere senza sforzo o violenza, gli individui e la società devono concepire tutte le verità come temporanee.

Questa importante facoltà mentale è ciò a cui i ricercatori moderni si riferiscono con il termine “flessibilità cognitiva” .

Ricordo tanti anni fa, quando Facebook era un luogo virtuale in cui ancora si poteva parlare, e si dissertava in un mio gruppo sulla “verità“.

C’era chi sosteneva che essa dev’essere per forza di cose immutabile, altrimenti non sarebbe la verità.

Io sostenevo che fosse invece soggettiva, perché ciò che è vero per uno non necessariamente è vero per un altro.

Oggi questo passaggio mi ha riportato indietro nel tempo e mi ha fatto riflettere su questa dote della flessibilità cognitiva che non sapevo di avere.

Purtroppo a quanto pare non è una qualità molto comune. Ultimamente vedo sostenere dogmi con una tenacia che ha dell’idiozia.