Le ricette della signora Tokue

Sembrava il classico libro carino, una lettura leggera per allietare qualche ora, invece questa storia mi ha addirittura commossa.


Un giorno, sotto l’albero di ciliegio davanti al piccolo negozio di dorayaki, dove al lavoro c’è un giovane triste e rassegnato che tira a campare, appare una vecchietta. Pian piano, entrando nella sua vita quasi in punta di piedi, riuscirà a conquistare l’amicizia del ragazzo e sarà l’occasione, per entrambi, di tornare a sorridere.

La signora Tokue è un personaggio nato per far breccia nel cuore del lettore, portando con sé il calore di un abbraccio. Nonostante la sua fragilità, sprigiona un’incredibile energia e un amore per l’esistenza in grado di illuminare il tempo trascorso a conoscere la sua storia. Anche voltata l’ultima pagina, questo libro mantiene intatta la sua tenera forza e non si farà dimenticare.

Ho apprezzato tanto la delicatezza usata nel raccontare una storia tanto commovente, credo che questa sia una lettura che resterà nell’anima di chi l’affronta.
È una gran bella lezione di amore e di gratitudine, di vigore e di speranza.


Nonostante le enormi prove a cui la vita sottopone alcuni, c’è chi riesce a trovare in sé il coraggio di alzarsi ogni giorno imparando a ringraziare anche solo per questo.
Diamo per scontato praticamente tutto mentre dovremmo costantemente essere grati proprio per il tutto che abbiamo.

Libri come questo ci ricordano di farlo.

  • Le ricette della signora Tokue, di Durian Sukegawa
  • Einaudi
  • Pag. 192
  • Tascabile € 9,60