Via dalla guerra, con i propri animali.

Non serve aggiungere niente a questo articolo. Queste parole sono anche le mie, esprimono esattamente ciò che penso. E in un momento come questo è così rassicurante ritrovare i propri pensieri in quelli degli altri. Fa sentire meno soli, meno inermi.

https://libreriamo.it/societa/ucraina-popolo-fuga-animali/

5000 visoni da salvare

Dopo la chiusura degli allevamenti, o meglio, fabbriche di pelliccia, i visoni sono rimasti in stallo e se non si troverà una soluzione verranno tutti uccisi.

Silvia Sartori, che ho avuto la gioia di presentarvi l’anno scorso, ha organizzato una raccolta fondi per trasformare quel luogo di morte in un posto sicuro, dove i visoni possano stare in attesa di un’adozione consapevole.

Si può sostenerla su Patreon, o donando tramite PayPal dedicato ai visoni. Trovate tutto qui.

Anche soltanto condividere il suo progetto l’aiuterà ad avere più voce e più solidarietà.

Grazie infinite a chi lo farà ❤️

La gratitudine animale

Un pinguino ogni anno nuota 8000 km per raggiungere l’uomo che l’ha salvato. Come non condividere una notizia simile? Chi reputa gli animali esseri inferiori e per questo si sente in diritto di massacrarli, torturarli e non usar loro nessun rispetto, dovrebbe essere trattato alla stessa maniera.