Gli spiriti non dimenticano

Mi è difficile parlare di questo libro senza sentirmi profondamente toccata dallo sdegno e dall’orrore che provo per le colonizzazioni, di qualsiasi epoca; ma non sono qui per i miei sproloqui sulla cecità di noi “visi pallidi”, vili calpestatori di millenarie culture.

Il mio compito, oggi, è di raccontarvi, brevemente, una storia. La vita di un uomo fuori dal comune, il cui nome è divenuto leggenda. Il mondo lo ricorda come Cavallo Pazzo, ma il suo nome, forse-perché quando si tratta di lui, nulla è certo- era Tashunka Uitko. Un uomo come noi, che è stato bambino in una terra impregnata di magico mistero, dove la vita non era mai facile ma trascorreva anche lieta, nella sua semplice quotidianità scandita dai ritmi delle stagioni.

Tashunka era solo un ragazzino quando fece ritorno al suo accampamento e lo trovò sterminato. Imparò presto a diffidare degli uas’ ichu, “i ladri di grasso”, come venivano appellati (giustamente) i colonizzatori del continente nordamericano, che facevano promesse puntualmente tradite, uomini senza onore, senza rispetto, senza dignità.

Questo ragazzo crebbe e divenne un uomo che si sentì chiamato a lottare con tutte le sue forze per difendere la sua terra e il suo popolo da un usurpatore impietoso e sleale, fino all’ultimo respiro. Anche quando fu consapevole dell’inevitabile disfatta, perché non era né sciocco né cieco, riuscì a radunare tutti i clan Lakota per quella che passò alla storia come la più grande battaglia e disfatta americana in tutti quegli anni di guerra. Little Big Horn fu una vittoria, agli occhi di molti, ma sono certa che lui fosse consapevole che il loro destino di popolo libero era ormai segnato. Fu però una piccola rivalsa, per tutti i loro morti profanati, per tutti i famosi patti disattesi, per lo sterminio dei bisonti che li stava riducendo alla fame. Fu il canto del cigno.

Tashunka Uitko era un grandissimo guerriero, il suo carisma nasceva dalla fedeltà nella sua missione. Egli si sentiva investito di un compito. Quando era turbato o sofferente, si ritirava sulle montagne sacre, le Paha Sapa, dimora del Grande Mistero, e attendeva un segno, che poteva anche non arrivare. Non è mai stato un capo tribù ma tutti lo onoravano e lo seguivano, per il coraggio e la fede che mostrava. Purtroppo, la sua sorte, racchiusa proprio nella stessa visione che l’aveva consacrato, è tragica e amara. Non si può proprio restare indifferenti al tradimento di quest’uomo che aveva dignità, onore, rispetto, tutto quello che all’uomo bianco mancava. Sembra una storia destinata a ripetersi in eterno. Cavallo Pazzo era un uomo di pace costretto a fare la guerra, a difendere con tutte le sue forze l’unico modo di vivere che conosceva, che mai avrebbe rinnegato. Anche alla fine, quando giurò che non avrebbe mai più combattuto, e ridotto ad un profugo sulla sua terra insieme a quei pochi che restavano dei suoi Oglagla affamati e stremati dopo l’ennesimo vile attacco, entrò nella riserva dove la maggior parte dei capi tribù aveva già accettato di rinchiudersi; quando proprio dal suo stesso popolo per meschina invidia fu tradito, Tashunka accettò con dignità il suo destino, abbracciò la sorte che il grande Spirito aveva deciso per lui con la consapevolezza di aver fatto il possibile, da uomo che ha sbagliato e continuato a tentare fin quando ha potuto.

Il grande Cavallo Pazzo morì trafitto alla schiena, colpito alle spalle da un vigliacco che altro non era. Ma sono certa che lui se l’aspettava, aveva già capito tutto. E comunque, il suo spirito vive e vivrà sempre. E ogni volta che qualcuno gli renderà il giusto onore raccontando la sua storia, vivendola attraverso il ricordo di quei terribili anni, soffrendo per le ingiustizie subite da ogni popolo annientato in nome di una presunta “civiltà”, mi piace pensare che lui lo sappia e magari gli sorrida e con il verso di un falco gli porti il suo saluto.

Perché gli spiriti non dimenticano.

2 pensieri riguardo “Gli spiriti non dimenticano”

  1. Concordo con te quando definisci le colonizzazioni come un orrore. Fa veramente paura pensare che qualcuno sia approdato dal nulla e venga a toglierti la terra da sotto i piedi solo perche´ si crede piü forte.

    ps. scusa per gli accenti, ma dal pc ho la tastiera tedesca 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...